5 trame da guardare mentre gli Steelers si dirigono verso l’ultima tappa in bassa stagione prima del ritiro

Prima che i 90 membri del roster dei Pittsburgh Steelers possano godersi un’assenza di sei settimane dal calcio prima dell’inizio del ritiro, un pezzo di lavoro in sospeso rimane nel calendario della bassa stagione.

A differenza di tutto ciò che è avvenuto da metà aprile, la partecipazione non è più volontaria.

Ad ostacolare quella lunga pausa c’è il minicamp obbligatorio di tre giorni della squadra, che inizia martedì all’UPMC Rooney Sports Complex.

Mentre gli Steelers hanno ricevuto una forte affluenza da giocatori veterani durante le ultime due settimane di attività di squadra organizzate, una coppia – vale a dire, il wide receiver Diontae Johnson e la safety Minkah Fitzpatrick – hanno fatto solo brevi apparizioni. Fine difensiva Stephon Tuitt ha deciso di ritirarsi piuttosto che fare rapporto per una nona stagione NFL.

Con un elenco completo a portata di mano, l’allenatore Mike Tomlin e il suo staff possono continuare a lavorare sui fondamentali questa settimana prima di aumentare l’attività il mese prossimo, quando i cuscinetti usciranno al campo di addestramento.

Nessun lavoro iniziale o posto nell’elenco verrà guadagnato in base a ciò che traspare questa settimana, ma alcuni problemi potrebbero diventare più chiari dopo la sessione di tre giorni. Eccone cinque:

1. Chi assume un ruolo più importante a livello difensivo?

Il ritiro di Tuitt ha creato un’apertura che potrebbe non essere riempita da un solo giocatore. Chris Wormley è la scelta logica per tornare al ruolo di titolare che ha ricoperto l’anno scorso durante l’assenza di Tuitt.

Wormley, però, non si è allenato durante le OTA a causa di un lieve infortunio e probabilmente non scenderà in campo fino al ritiro. Ciò dà più ripetizioni al difensore del secondo anno Isaiahh Loudermilk, il cui tempo di gioco è aumentato lo scorso anno.

Gli Steelers potrebbero anche ribaltare il naso di Tyson Alulu all’esterno e utilizzare Montravius ​​Adams nel mezzo dell’allineamento 3-4. Anche il debuttante del terzo round DeMarvin Leal trarrà vantaggio dall’ottenere scatti che andrebbero a giocatori più affermati.

2. La rotazione del quarterback rimarrà la stessa?

Mason Rudolph potrebbe avere il vantaggio nell’esperienza nella gestione del sistema del coordinatore offensivo del secondo anno Matt Canada, ma il free agent Mitch Trubisky ha ottenuto la maggior parte degli snap della prima squadra durante le OTA. Rudolph ha corso con la seconda squadra, proprio come ha fatto durante il suo mandato con gli Steelers. Il primo round del debuttante Kenny Pickett ha confermato di essere terzo nella gerarchia.

Dato l’investimento in Pickett, gli Steelers potrebbero espandere il suo ruolo a partire dalle OTA quando sarà pronta una serie completa di ricevitori larghi. Il modo in cui vengono distribuiti gli scatti sarà una trama continua per tutta l’estate.

3. Quale giocatore fa il salto più grande nella sua seconda stagione?

Da debuttanti, Najee Harris corse per 1.200 yard e Pat Freiermuth ricevette 60 passaggi, di cui sette per touchdown. Poiché erano scelte al primo e al secondo turno, le aspettative erano alte.

Più in basso nel draft board ci sono Kendrick Green, Dan Moore Jr., Buddy Johnson e Loudermilk.

Moore ha la possibilità di iniziare a placcaggio sinistro per il secondo anno consecutivo. Gli Steelers hanno aspettato fino a maggio per portare un placcaggio esperto, ingaggiando il veterano di quattro anni Trent Scott per fornire la concorrenza. Dopo che gli Steelers hanno ingaggiato due veterani per giocare all’interno, Green non è più al centro e dovrà scalzare Kevin Dotson come guardia sinistra se ha intenzione di ricominciare questa stagione.

Gli Steelers vorrebbero che Johnson assumesse un ruolo più importante come linebacker interno dietro i titolari Devin Bush e Myles Jack. Loudermilk sta spingendo per un posto da titolare in fase difensiva.

Per quanto riguarda gli altri membri della classe draft 2021, Tre Norwood ha giocato in un terzo di tutti gli snap difensivi come difensore sottopacchetto. Gli Steelers sono stati al fianco dello scommettitore Pressley Harvin III durante una stagione da rookie irregolare, ma hanno portato Cameron Nizialek per la competizione.

4. Chi ottiene il tempo di gioco allo slot ricevitore?

Perdendo tre wide receiver a causa del free agency, gli Steelers hanno anche perso le loro due opzioni più esperte nello slot: JuJu Smith-Schuster e Ray-Ray McCloud.

Gli Steelers hanno arruolato 5 piedi-8 Calvin Austin III nel quarto round come potenziale opzione. È tra una manciata di ricevitori più brevi e veloci nel roster, unendosi ad Anthony Miller (5-11, 199), Gunner Olszewski (6-0, 190), Steven Sims (5-10, 176) e Tyler Snead (5-7 , 174).

Sebbene Chase Claypool abbia la taglia più adatta per l’esterno, ha detto che non gli dispiacerebbe ottenere più ripetizioni nello slot se può aiutarlo a sfruttare i disallineamenti in fondo al campo. Anche la scelta del secondo round George Pickens è un’opzione se Claypool e Diontae Johnson iniziano fuori.

5. Quale free agent non redatto farà una buona impressione?

Cinque anni fa, Mike Hilton ha fatto il salto da free agent non redatto a collaboratore allo slot corner. Sta uscendo da un’apparizione al Super Bowl con i Bengals dopo aver firmato con Cincinnati in free agency.

I giocatori che hanno fatto il roster negli ultimi anni come free agent non draftati includono James Pierre e Tuzar Skipper. Altri a prendere il percorso non disegnato per eventuali posizioni nel roster di 53 uomini includono lo snapper lungo Christian Kuntz, il centro JC Hassenauer e il guardalinee difensivo Henry Mondeaux.

Chi sarà il fenomeno di quest’anno? Alcuni contendenti sono i running back Jaylen Warren dell’Oklahoma State e Mataeo Durant di Duke. Gli Steelers hanno un’apertura dopo non aver riportato Kalen Ballage.

TD Moultry è apparso in un record scolastico di 59 partite ad Auburn e potrebbe entrare nel roster come linebacker esterno dove gli Steelers cercano profondità dietro TJ Watt e Alex Highsmith. Sulla linea offensiva, Jake Dixon sta cercando di diventare il secondo ex giocatore di Duquesne a guadagnare un posto nel roster. È 6-6 e potrebbe essere un progetto per il nuovo allenatore di posizione Pat Meyer.

Joe Rutter è uno scrittore dello staff di Tribune-Review. Puoi contattare Joe via e-mail all’indirizzo jrutter@triblive.com o tramite Twitter .

Leave a Reply

Your email address will not be published.