Alcuni giocatori di Rays scelgono di non indossare cappelli e toppe a tema Pride Night | Rapporto Bleacher

Julio Aguilar/Getty Images

I Tampa Bay Rays hanno celebrato la Pride Night durante la partita di sabato contro i Chicago White Sox, ma alcuni giocatori della squadra hanno scelto di non partecipare.

Questo è stato il 16° evento della Pride Night dell’organizzazione al Tropicana Field. Per la prima volta, i Rays hanno aggiunto loghi color arcobaleno sulle loro divise, in particolare la “TB” sui loro cappelli e lo sprazzo di sole sulla manica destra della maglia.

Marc Topkin del Tempi di Tampa Bay ha riferito che “ben più della metà dei giocatori sembrava partecipare”. Tuttavia, i lanciatori Jason Adam, Jalen Beeks, Brooks Raley, Jeffrey Springs e Ryan Thompson sono stati tra i giocatori che si sono tolti lo sprazzo di sole sulle maniche e hanno indossato i cappelli standard.

Adam è stato eletto dai funzionari della squadra per parlare della rinuncia a indossare le uniformi e ha citato la religione come motivo:

“Molto dipende dalla fede, dall’apprezzare una decisione basata sulla fede. Quindi è una decisione difficile. Perché alla fine tutti abbiamo detto che quello che vogliamo è che sappiano che tutti sono i benvenuti e amati qui. Ma quando lo mettiamo in pratica i nostri corpi, penso che molti ragazzi abbiano deciso che è solo uno stile di vita che forse – non che disprezzano nessuno o la pensano in modo diverso – è solo che forse non vogliamo incoraggiarlo se crediamo in Gesù, che ci ha incoraggiato vivere uno stile di vita che si asterrebbe da quel comportamento, proprio come (Gesù) mi incoraggia come maschio eterosessuale ad astenersi dal sesso al di fuori dei confini del matrimonio. Non è diverso. Non è giudicante. Non è guardare in basso. È solo ciò che noi Crediamo nello stile di vita che ci ha incoraggiato a vivere, per il nostro bene, a non nasconderci. Ma ancora una volta, amiamo questi uomini e queste donne, ci prendiamo cura di loro e vogliamo che si sentano al sicuro e benvenuti qui”.

L’outfielder veterano Kevin Kiermaier è uno dei giocatori che hanno una visione diversa, dicendo che è stato cresciuto per trattare le persone allo stesso modo.

“È una di quelle cose, i miei genitori mi hanno insegnato ad amare tutti così come sono, vivere la tua vita, qualunque siano le tue preferenze, sii te stesso”, ha detto Kiermaier. “Non posso parlare per tutti quelli che sono qui, ovviamente, ma questo è un ambiente adatto alle famiglie qui in un campo da baseball della grande lega. … Vogliamo solo che tutti si sentano accolti e inclusi e ci facciano il tifo. Non importa cosa accadrà le tue opinioni su qualsiasi cosa lo sono.”

Il lanciatore dei St. Louis Cardinals Jack Flaherty ha espresso il suo dispiacere per i giocatori dei Rays che si sono rifiutati di indossare i loghi:

Jack Flaherty @Jack9Flaherty

scherzo assoluto https://t.co/LKzBZU77wf

Il manager dei Rays Kevin Cash ha affrontato la situazione dopo la partita di domenica, dicendo che non pensa che dividerà la squadra.

“Innanzitutto, penso che l’organizzazione abbia fatto davvero una buona cosa per avere Pride Nights che supporta la nostra comunità gay per uscire e passare una bella serata allo stadio”, Cash disse. “Sono impressionato dal fatto che i nostri giocatori abbiano avuto quelle conversazioni e vogliamo supportare i nostri giocatori che scelgono di indossare o di non indossare al meglio delle nostre capacità”.

Il governatore della Florida Ron DeSantis ha firmato una legge all’inizio di quest’anno che vieta l’istruzione in classe sull’orientamento sessuale e l’identità di genere per i bambini dalla scuola materna alla terza elementare.

Nonostante gli apparenti sforzi del governo statale per emarginare la comunità LGBTQ+, i Rays sono rimasti coinvolti negli sforzi per sostenerla. Secondo Topkin, Tampa Bay è stata “la prima squadra sportiva professionistica a firmare un amicus brief alla Corte Suprema degli Stati Uniti a sostegno del matrimonio tra persone dello stesso sesso e a unirsi alla campagna” It Gets Better “per combattere il bullismo giovanile”.

La Pride Night di sabato ha avuto 19.452 spettatori, mentre la media stagionale per le partite dei Rays è di 16.868. Il finale di serie di domenica contro i White Sox ha avuto un pubblico di 11.162 spettatori.

Leave a Reply

Your email address will not be published.