“All of Us Are Dead” Stagione 2 in arrivo su Netflix

I morti stanno risorgendo ancora una volta. “Tutti noi siamo morti”, la popolare serie di zombi coreana è stata rinnovata per la seconda stagione a Netflix.

La serie horror di zombi è uno dei primi dieci programmi in lingua non inglese di tutti i tempi dello streamer e il suo secondo spettacolo di maggior successo prodotto in Corea, dopo “Squid Game” dell’anno scorso.

La notizia è stata annunciata come parte di Netflix Settimana sfigata. L’evento ha lo scopo di mostrare le serie nuove e quelle di ritorno, oltre a posizionare Netflix come la casa dei contenuti di genere horror e fantascientifico asiatico. La società ha affermato che dal 2020 al 2021, la visione di fantascienza e horror su Netflix nella regione Asia-Pacifico è cresciuta rispettivamente del 30% e del 20%.

Il video della Geeked Week mostrava i quattro attori principali della serie – Park Ji-hu, Yoon Chan-young, Cho Yi-hyun e Lomon – ringraziando i fan per il loro supporto allo spettacolo e confermando che la stagione 2 è in arrivo.

Basato sul webtoon coreano “Now at Our School” di Joo Dong-geun, “All of Us Are Dead” segue diversi liceali ordinari che finiscono al punto zero di un’apocalisse di zombi dopo un esperimento scientifico andato storto. Tagliato fuori dal mondo esterno dal governo, che cerca di contenere l’epidemia, il gruppo è costretto a proteggersi, il tutto affrontando pesanti tensioni interpersonali. Il primo finale di stagione dello spettacolo si è concluso con un cliffhanger, con sei sopravvissuti allo scoppio salvati ma messi in quarantena dal governo e il presidente di classe Nam-ra (Cho) ora un mezzo zombi.

Netflix riferisce che, dopo la sua prima, “All of Us Are Dead” è entrato direttamente nella Top 10 delle serie TV non inglesi più viste in 91 paesi e vi è rimasta per due settimane consecutive. Ha anche attirato 361 milioni di ore di visualizzazione nei suoi primi 10 giorni.

Oltre a Park, Yoon, Cho e Lomon, la serie vede nel cast anche Yoo In-soo, Lee Yoo-mi, Kim Byung-chul, Lee Kyu-hyung e Jeon Bae-soo. La serie è stata adattata dal webtoon originale di Chun Sung-il, Lee Jae-kyoo e Kim Nam-su, con Chun come sceneggiatore principale e Lee Jae-kyoo e Kim Nam-su alla regia della prima stagione.

Continuando la combinazione scuola e horror, Netflix ha annunciato una prima stagione per “School Tales The Series”. La serie in otto parti prodotta in Thailandia è un’antologia che mescola leggende spettrali, storie di fantasmi e racconti dell’orrore. I membri del cast sono in gran parte nuovi arrivati, ma includono il membro della band BNK48 Jennis Oprasert (“Where We Belong”). Pass Patthankumjon, regista della serie Netflix del 2020 “The Underclass” e del film del 2017 “School Tales” per il film thailandese a cinque stelle, dirigerà la serie. Netflix afferma che punta il nuovo spettacolo a un pubblico di adolescenti, dandogli anche un’etichetta 18+ per violenza, sesso, violenza sessuale, linguaggio volgare, abuso di sostanze e suicidio. Nessuna data di uscita è stata annunciata.

del Giappone “Alice nella terra di confineLa stagione 2 arriverà a dicembre 2020. Ora è in post-produzione. La prima stagione è stata rilasciata a dicembre 2020 ed è diventata un successo in Giappone e all’estero così rapidamente che la seconda stagione è stata annunciata entro due settimane dal lancio dello spettacolo. La storia segue Arisu e Usagi mentre rischiano la vita nella speranza di tornare al loro mondo originale attraverso una varietà di giochi che giocano con diversi tratti caratteriali, come intelligenza, forza e lavoro di squadra. I 10 membri del cast che hanno vinto le partite alla fine della prima stagione torneranno per la seconda stagione.

“Avevamo queste scene davvero su larga scala ogni giorno e il mondo dello spettacolo è più grande che mai”, ha detto il membro del cast di ritorno Yamazaki Kento in una dichiarazione. Lo spettacolo è basato su un fumetto originale scritto da Aso Haro che è stato serializzato nei fumetti settimanali giapponesi Weekly Shonen Sunday S e Weekly Shonen Sunday tra il 2010 e il 2016. La sceneggiatura adattata per la prima serie è stata scritta da Watabe Yoshike, Kuramitsu Yasuko e regista Sato Shinsuke.

Leave a Reply

Your email address will not be published.