Brad Pitt sbatte Angelina Jolie nella vendita del castello all’oligarca russo – Hollywood Life

Brad Pitt, Angelina Jolie



Guarda la galleria



Credito immagine: Agenzia fotografica Featureflash/Shutterstock

Come Brad Pitt e Angelina Jolie continuare a combattere per la proprietà e altri dettagli sul divorzio, le cose stanno peggiorando. Brad, 58 anni, ha ora accusato il Sale attrice, 47 anni, di aver tentato di “infliggergli danni”, secondo i documenti del tribunale ottenuti da HollywoodLife, vendendo segretamente la sua partecipazione nella sua vigna francese a “un oligarca russo” con “intenzioni velenose”. Tali presunte intenzioni dannose presumibilmente includono un piano per assumere il controllo completo della loro azienda vinicola Chateau Miraval da molti milioni di dollari.

Sembra che Angelina abbia venduto metà dell’attività di successo a un’azienda gestita da Yuri Shefler, il proprietario dell’azienda che produce la vodka russa Stolichnaya, ribattezzata Stoli. I giornali affermano che dal momento che Yuri ha tentato di prendere le distanze dal presidente russo, Vladimir Putin e il suo regime, il marchio Stoli è ora una “responsabilità internazionale”, citando il distruttivo di Putin invasione dell’Ucraina.

Brad Pitt, Angelina Jolie
Brad Pitt e Angelina Jolie (Agenzia fotografica di Featureflash/Shutterstock).

“Jolie ha perseguito e poi consumato il presunta vendita in segreto, tenendo di proposito all’oscuro Pitt e violando consapevolmente i diritti contrattuali di Pitt”, affermano gli avvocati di Brad nei documenti, citando la vendita di Angelina al Gruppo Stoli tramite Yuri. “In tal modo, Jolie ha cercato di cogliere i profitti che non aveva guadagnato e i ritorni su un investimento che non aveva effettuato. Anche attraverso la presunta vendita, Jolie ha cercato di infliggere danni a Pitt”, affermano i documenti.

“Jolie sapeva e intendeva che Shefler ei suoi affiliati avrebbero cercato di controllare l’attività che Pitt aveva costruito e di minare l’investimento di Pitt in Miraval”, continua la dichiarazione. “E proprio come aveva immaginato Jolie, questo è esattamente ciò che Shefler ha fatto”.

“In violazione dell’accordo tra le parti, Jolie ha cercato di costringere Pitt a collaborare con uno sconosciuto, e peggio ancora, uno sconosciuto con associazioni e intenzioni velenose”, continuano i documenti, sostenendo anche che la vendita viola un accordo che la coppia ha fatto all’inizio della loro collaborazione nella tenuta di 1000 acri che hanno acquistato nel 2008. L’accordo ha dato a Brad il primo rifiuto di acquistare la sua quota se voleva vendere, è stato informato il giudice.

Brad Pitt, Angelina Jolie
Brad Pitt e Angelina Jolie (Andrea Raffin/Shutterstock).

Il castello situato nel sud della Francia è il luogo in cui la coppia si sono sposati nel 2014ed è diventata la “passione” di Brad, nonché uno dei produttori mondiali di vino rosato, secondo le carte del tribunale. Ad ottobre 2021, però, le cose si sono complicate quando Angelina “pretese di vendere la sua partecipazione a Tenute del Mondo, una terza concorrente ostile decisa a prendere il controllo di Miraval”, affermano i documenti depositati dagli avvocati di Pitt, affermando la motivazione del Malefica l’attrice era, beh, di natura malevola.

Fonti notano anche che la tempistica della vendita era legata alla decisione di un giudice di emettere una sentenza provvisoria che concedeva a Brad la custodia del 50/50 nella coppia. aspra battaglia dei loro cinque figli, Maddox20, Zahara16, Pax17, Shiloh15, Vivienne13 e Knox13. I due attualmente condividono l’affidamento congiunto, una decisione che Angelina ha lavorato per ribaltare.

Angelina ha chiesto il divorzio da Brad nel 2016 dopo oltre un decennio insieme, citando differenze inconciliabili. In un’intervista a Vogue India lo scorso giugno Angelina si è aperta sulla scissione, spiegando che il la decisione è stata per il “benessere” dei suoi figli. “È stata la decisione giusta”, ha detto. “Continuo a concentrarmi sulla loro guarigione. Alcuni hanno approfittato del mio silenzio e i bambini vedono bugie su se stessi nei media, ma ricordo loro che conoscono la propria verità e la propria mente. In effetti, sono sei giovani molto coraggiosi, molto forti”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.