Caso Larry Nassar: il Dipartimento di Giustizia rifiuta per la terza volta di accusare ex agenti dell’FBI che hanno fallito le indagini

In una dichiarazione di giovedì, il dipartimento ha affermato che l’ultima decisione di rifiutare il perseguimento degli agenti è arrivata “dopo molteplici revisioni e analisi delle prove raccolte nelle indagini sugli ex agenti e riflette la raccomandazione di pubblici ministeri esperti”.

Un Dipartimento di Giustizia rapporto dell’ispettore generale ha riscontrato gravi fallimenti da parte dell’FBI nell’indagare adeguatamente sui reclami delle ginnaste, che nel 2015 hanno riferito all’ufficio di presidenza dell’abuso. L’ispettore generale ha scoperto che gli agenti hanno mentito agli investigatori, ma il Dipartimento di Giustizia durante l’amministrazione Trump e di nuovo all’inizio dell’amministrazione Biden ha rifiutato di sporgere denuncia.

Da luglio 2015, quando i funzionari di USA Gymnastics hanno notificato per la prima volta all’FBI le accuse di abusi contro Nassar, e settembre 2016, quando l’FBI ha finalmente iniziato a intraprendere iniziative investigative significative, almeno 70 atleti sono stati abusati da lui, ha riferito l’ispettore generale.

Lo scorso ottobre, il vice procuratore generale Lisa Monaco ha annunciato una terza revisione dell’indagine sugli ex agenti, citando nuove informazioni che i pubblici ministeri stavano esaminando. Kenneth Polite, assistente del procuratore generale, ha guidato l’ultima revisione.

“Questo non riflette in alcun modo l’idea che l’indagine su Nassar sia stata gestita come avrebbe dovuto essere, né in alcun modo riflette l’approvazione o il disprezzo della condotta degli ex agenti”, si legge nella dichiarazione del Dipartimento di Giustizia.

Le vittime di Nassar, comprese le ginnaste olimpiche McKayla Maroney e Simone Biles, sono apparse davanti a un’udienza al Senato lo scorso anno e hanno criticato aspramente l’FBI e il Dipartimento di Giustizia per non aver accusato gli ex agenti.

John Manly, un avvocato che rappresenta le vittime, ha criticato l’ultima decisione del Dipartimento di Giustizia di rifiutare l’azione penale.

“Il continuo fallimento del Dipartimento di Giustizia nell’accusare penalmente gli agenti dell’FBI, la ginnastica USA e i funzionari dell’USOPC che hanno cospirato per coprire il più grande scandalo di abusi sessuali nella storia dello sport è incomprensibile”, ha detto Manly. “Il 13 settembre 2021, le ginnaste Simone Biles, Aly Raisman, McKayla Maroney e Maggie Nichols hanno condiviso una testimonianza straziante con la commissione giudiziaria, hanno chiesto giustizia e hanno promesso di agire dal vice procuratore generale Lisa Monaco. Non c’è stata azione per più di sei mesi e ora questa promessa ai sopravvissuti è stata infranta”.

I legislatori di entrambe le parti avevano anche invitato il Dipartimento di Giustizia l’anno scorso a rivedere la sua decisione sull’accusa e, in una dichiarazione venerdì mattina, il presidente della commissione giudiziaria del Senato Dick Durbin ha affermato che la commissione “continuerà la sua supervisione e il lavoro legislativo nel tentativo di prevenire tali abusi nel futuro.”

“Dopo la nostra commovente audizione con il campione del mondo e il ginnasta olimpico sopravvissuti a Larry Nassar, posso dire inequivocabilmente che l’insensibilità e l’inganno degli agenti dell’FBI in questa materia potrebbero non essere stati perseguibili penalmente, ma è stato moralmente imperdonabile”, Durbin, Democratico dell’Illinois, ha detto.

L’FBI si è scusata per la cattiva gestione del caso Nassar e ha affermato di aver adottato una serie di raccomandazioni dell’ispettore generale per evitare che gli errori si ripetano.

Il rapporto dell’ispettore generale dell’anno scorso ha rilevato che alti funzionari dell’ufficio sul campo di Indianapolis dell’FBI non hanno risposto alle accuse di Nassar con la massima serietà e urgenza che meritavano e richiedevano, hanno commesso numerosi e fondamentali errori quando hanno risposto e violato molteplici politiche dell’FBI nello svolgimento della propria attività investigativa. L’indagine è stata aperta nel 2018 per vedere se l’FBI e i suoi uffici sul campo hanno trascinato i piedi per rispondere alle accuse di aggressione sessuale fatte da ginnaste e dall’organizzazione USA Gymnastics nel 2015 e nel 2016.

La pubblicazione del rapporto di 119 pagine arriva poco più di un anno dopo che oltre 120 sopravvissuti ha chiesto al Dipartimento di Giustizia di rendere pubblici i risultati.
Nassar, 58 anni, sta scontando da 40 a 174 anni pena detentiva di stato dopo che 156 donne e ragazze hanno affermato di averle abusate sessualmente nel corso di 20 anni.

L’ex medico della ginnastica americana e della Michigan State University si è dichiarato colpevole nel novembre 2017 di sette capi di imputazione per condotta sessuale criminale per aver usato la sua professione come copertura per abusare sessualmente dei suoi pazienti.

Anche Nassar si è dichiarato colpevole pornografia infantile federale accuse e accuse separate di condotta sessuale criminale statale nella contea di Eaton.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

Tierney Sneed della CNN ha contribuito alla segnalazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published.