Finali NBA 2022: i Warriors ottengono un enorme vantaggio da Gary Payton II, il cui ritorno potrebbe legittimamente far oscillare questa serie

Il Guerrieri provato molte cose diverse nel loro 107-88 Gara 2, la vittoria della sera di serie sul Celtici di domenica. Hanno premuto più forte sui tiratori, in particolare Al Horford e Marco Intelligente, entrambi hanno praticamente avuto il coraggio di fare 3 aperti nel gioco 1, cosa che hanno fatto sulla base di una clip combinata 10 per 15. Avevano Klay Thompson confrontati con i big, liberandoti Draymond Green per ottenere di più nella linea di tiro a difesa delle stelle di Boston.

Ma l’unico sviluppo più incoraggiante per i Warriors di domenica è stato il gioco di Gary Payton II, che dopo non aver visto il pavimento in apertura ha chiuso Gara 2 con sette punti, tre assist e tre rimbalzi sul tiro 3 su 3. Era un più-15 in 25 minuti significativi.

Payton non ha giocato da quando si è fratturato il gomito in Gara 2 delle semifinali di conference contro Memphis, e Steve Kerr non pensava di essere pronto per Gara 1. Ma domenica è stato al completo, e anche se sicuramente non ha 100 anni per cento, ha dimostrato di essere, senza dubbio, abbastanza sano da essere una parte importante della rotazione che va avanti.

“Mi sento normale, tornato in me stesso”, ha detto Payton. “Non sono preoccupato per il gomito, mi sento bene.”

È difficile sopravvalutare cosa significhi avere un sano (ish) Payton per Golden State. Il suo ritorno potrebbe trasformare questa serie, così equilibrata, a favore dei Warriors. Il suo impatto è così significativo. Chiunque abbia visto i Warriors e Payton giocare in questa stagione sa che non è un’esagerazione. La sua energia, la sua pressione con la palla, la sua capacità di correre sul pavimento e tagliare per aprire lo spazio e funzionare come un regista a rotazione corta (tutte cose che ha mostrato domenica) rendono i Warriors una squadra più dinamica e atletica.

Per quanto riguarda le partite, Payton offre a Golden State un altro difensore d’élite per cui Jayson Tatum e Jaylen Brown. Payton non ha le dimensioni di Draymond Green o Andrea Wiggins, e Tatum è stato davvero in grado di colpire alcuni saltatori duri su di lui, ma non otterrai nulla di facile con Payton. Golden State accetterà volentieri che Tatum prenda tutti questi scatti che il suo cuore desidera:

“Ho pensato che fosse brillante”, ha detto Kerr di Payton. “Il livello di difesa, fisicità e velocità in transizione, ci dà una spinta enorme”.

Jordan Poole è diventato un enigma in questa serie. Era un tornello in difesa in Gara 1 e non molto meglio in attacco. Payton offre a Kerr un’alternativa a Poole e, in effetti, Payton ha saltato Poole nella rotazione nella seconda metà di domenica. Poole ha tenuto duro per quasi tutto il terzo quarto, quando Golden State, forse non a caso, ha trasformato un vantaggio di due punti in un vantaggio di 23 punti e suppongo che Payton sarebbe stato nella formazione finale su Poole se la partita fosse stata vicina lungo il tratto.

Ancora una volta, questo cambia l’equazione per il resto di questa serie. Payton nella formazione finale su Poole lascia i Celtics con un solo difensore a cui dare la caccia a Curry, e dovremo smetterla con questo dialogo sul fatto che Curry sia una sorta di anello debole. È piccolo, sì, ma è un buon difensore. Non gli darai addosso secchielli da cakewalk.

Anche quando sta giocando Poole, Payton fornisce supporto perimetrale. In Gara 1, Poole è entrato in gioco per Draymond. Scambiare il miglior difensore della squadra con il peggiore è una licenza di caccia rosso brillante per Boston. In Gara 2, Payton è entrato insieme a Poole e anche Green è rimasto in campo. Ciò mantiene la difesa di Golden State nella lotta.

Payton e Green possono essere una coppia minacciosa. Guarda qui come Payton affolla Tatum prima che Green voli per il cambio, una dose di pressione da tag team che porta a un turnover e Curry 3 dall’altra parte.

Il tratto più importante di Payton è arrivato nel secondo trimestre. Dopo che i Warriors hanno ottenuto solo quattro punti nei minuti non Curry, con Poole lasciato come unico creatore, Payton ha sostituito a 6:57 con Golden State sotto di cinque. Sono subito andati su un parziale di 10-0, che includeva la sequenza sopra e quella sotto, dove Payton corre sul pavimento e si sistema in uno spazio vuoto lungo la linea di fondo.

Questi tipi di secchi sono enormi. La difesa a metà campo di Boston è un incubo contro cui segnare. Golden State vuole ottenere quante più opportunità di transizione possibile. I fatturati creano quelle opportunità e Payton crea i fatturati. Prima del suo infortunio, i Warriors stavano generando 3,3 palle perse in più ogni 100 possedimenti con Payton a terra.

Nel complesso, i Celtics hanno commesso sei palle perse durante i minuti del primo tempo di Payton. Ne ha causato direttamente solo uno, ma in parte il suo impatto, in gran parte anche, è intangibile. Payton, come Green, accende la difesa di Golden State esclusivamente sulla presenza. Qui blocca Brown e costringe a un passaggio errante.

La cosa buona dell’infortunio di Payton è che non era un’area che gli impediva di allenarsi. Kerr ha detto ai giornalisti che Payton era in campo tre settimane fa “attraverso intense diapositive e sprint difensivi e uno contro uno a tutto campo senza usare il braccio sinistro”, e hai visto quel livello di condizionamento nel suo immediato raggiungimento di 25 minuti di azione, al di sopra della media dei playoff prima dell’infortunio.

Ciò che preoccupava Kerr era se Payton sarebbe stato in grado di estendere il braccio sinistro per sparare. Non è stato bello quando Payton ha segnato due tiri liberi, ma poi ha seppellito un angolo 3, che è un tiro così vitale nell’attacco di Golden State non solo per mantenere una distanza ragionevole, ma per far pagare Boston quando inevitabilmente crolla su Curry, come ha fatto qui:

“So che è stato difficile per lui, saltare i primi due tiri liberi e poi intervenire e abbattere quei tre, facendo pochissime ripetizioni di tiro al basket da quella serie di Memphis, mostra solo chi è”, Green detto di Payton. “Questo è il motivo per cui è qui, però. La maggior parte dei ragazzi non può farsi avanti in quella situazione, ma GP, è un duro e ha costruito nel modo giusto e si è fatto avanti e stasera ci ha regalato dei bei minuti”.

I buoni minuti potrebbero essere un eufemismo. Li definirei fantastici. E andando avanti, ci sarà molto di più disponibile per Payton per lasciare il segno in questa serie.

Leave a Reply

Your email address will not be published.