Gli orsi polari e gli orsi bruni hanno continuato ad accoppiarsi tra loro molto tempo dopo che le specie si sono separate

Un nuovo studio ha scoperto che gli orsi polari e gli orsi bruni si stavano ancora accoppiando molto dopo che si erano divisi in due specie distinte.

È noto che le due specie si sono separate tra 1,3 e 1,6 milioni di anni fa, ma nuove prove genomiche suggeriscono che abbiano ereditato tratti l’uno dall’altro molto più recentemente.

Scienziati dagli Stati Uniti, Messico e Finlandia ha analizzato i genomi di 64 moderni orsi polari e bruni, nonché quello di un antico orso polare vissuto fino a 130.000 anni fa.

Mentre prove di l’ibridazione è stata trovata sia nel genoma dell’orso bruno che in quello polare, quest’ultimo portava una firma particolarmente forte del DNA degli orsi bruni.

Poiché il riscaldamento globale ha continuato a sciogliere il ghiaccio marino artico, le due specie di orsi potrebbero incontrarsi più frequentemente e la loro storia evolutiva condivisa potrebbe diventare più significativa.

Potrebbe influenzare il modo in cui l’orso polare adattato all’Artico si adatta alla vita in un clima più caldo, a cui i loro cugini di orso bruno sono già più inclini.

La mascella subfossile di un orso polare vissuto da 115.000 a 130.000 anni fa nell’arcipelago norvegese delle Svalbard. Uno studio genomico include un’analisi del DNA estratto da un dente attaccato a questa mascella, che ha mostrato prove di ibridazione negli orsi polari e bruni

I ricercatori stimano che gli orsi polari e gli orsi bruni abbiano iniziato a diventare specie distinte tra 1,3 e 1,6 milioni di anni fa

L'incrocio di orsi polari e bruni, insieme a prove fossili limitate per gli orsi polari, ha precedentemente reso difficile stabilire quanto tempo fa le due specie si siano separate

I ricercatori stimano che gli orsi polari e gli orsi bruni abbiano iniziato a diventare specie distinte tra 1,3 e 1,6 milioni di anni fa. L’incrocio di orsi polari e bruni in precedenza ha reso difficile stabilire da quanto tempo le due specie si siano separate

COME FIAMO A CONOSCERE ORSI POLARI E ORSI MARRONI ACCOPPIATI TRA LORO?

Ricercatori ha analizzato i genomi di 64 moderni orsi polari e bruni, inclusi diversi nuovi genomi dell’Alaska, uno stato in cui si trovano entrambe le specie

Ne hanno prodotto uno nuovogenoma più completo di un orso polare vissuto da 115.000 a 130.000 anni fa nell’arcipelago norvegese delle Svalbard da un dente attaccato a una mascella subfossile

Utilizzando questo set di dati, i ricercatori stimano che gli orsi polari e gli orsi bruni abbiano iniziato a diventare specie distinte tra 1,3 e 1,6 milioni di anni fa

Hanno anche concluso che gli orsi polari hanno subito un drammatico declino della popolazione dopo essere diventati la loro stessa specie

Ciò a sua volta ha ridotto la variazione del pool genetico e ha lasciato gli orsi polari con una diversità genetica molto inferiore rispetto agli orsi bruni

Alla fine si è scoperto che gli orsi polari portavano una maggiore evidenza del DNA degli orsi bruni rispetto al contrario, nonostante l’ibridazione di entrambe le specie

“Troviamo prove di incroci tra orsi polari e orsi bruni che precedono un antico orso polare che abbiamo studiato”, ha affermato la dott.ssa Charlotte Lindqvist, professore associato di scienze biologiche all’Università del Buffalo College of Arts and Sciences.

“Inoltre, i nostri risultati dimostrano una storia evolutiva complicata e intrecciata tra gli orsi bruni e polari, con la direzione principale del flusso genico che va negli orsi polari dagli orsi bruni.

“Questo capovolge un’ipotesi suggerita da altri ricercatori secondo cui il flusso genico è stato unidirezionale e si è diffuso negli orsi bruni intorno al picco dell’ultima era glaciale”.

Questa ibridazione dei due tipi di orso rispecchia le complessità viste anche nella storia evolutiva degli esseri umani.

Gli scienziati una volta pensavano che gli esseri umani moderni e i Neanderthal si dividessero semplicemente in specie separate dopo essersi evoluti da un antenato comune.

Quindi, i ricercatori hanno trovato il DNA di Neanderthal nelle moderne persone eurasiatiche, il che implica che a un certo punto le popolazioni umane moderne hanno ricevuto un afflusso di geni dai Neanderthal.

Hanno anche scoperto prove del DNA umano moderno all’interno del genoma di Neanderthal, dimostrando che l’incrocio può influenzare i genomi di entrambe le specie.

Il dott. Lindqvist continua: “La formazione e il mantenimento delle specie possono essere un processo disordinato,

“Quello che è successo con gli orsi polari e gli orsi bruni è un perfetto analogo di ciò che stiamo imparando sull’evoluzione umana: che la divisione delle specie può essere incompleta.

“Poiché un numero sempre maggiore di genomi antichi è stato recuperato da antiche popolazioni umane, inclusi Neanderthal e Denisoviani, stiamo vedendo che c’era una mescolanza genetica multidirezionale in corso mentre diversi gruppi di umani arcaici si accoppiavano con gli antenati degli umani moderni.

“Gli orsi polari e gli orsi bruni sono un altro sistema in cui lo vedi accadere.”

I genomi analizzati in un nuovo studio sugli orsi includono quello di questo orso, qui raffigurato nel 1995 sul versante nord dell'Alaska.  Gli scienziati si erano chiesti se questo orso potesse essere un ibrido orso bruno-orso polare, ma la nuova ricerca rileva che

I genomi analizzati in un nuovo studio sugli orsi includono quello di questo orso, qui raffigurato nel 1995 sul versante nord dell’Alaska. Gli scienziati si erano chiesti se questo orso potesse essere un ibrido orso bruno-orso polare, ma la nuova ricerca rileva che “questo orso non è un ibrido, ma semplicemente un orso bruno di colore chiaro”, afferma la biologa Charlotte Lindqvist dell’Università di Buffalo

I ricercatori hanno analizzato i genomi di 64 moderni orsi polari e bruni, inclusi diversi nuovi genomi dell'Alaska, uno stato in cui si trovano entrambe le specie, per ottenere i loro risultati

I ricercatori hanno analizzato i genomi di 64 moderni orsi polari e bruni, inclusi diversi nuovi genomi dell’Alaska, uno stato in cui si trovano entrambe le specie, per ottenere i loro risultati

I ricercatori dell’Università di Buffalo negli Stati Uniti, del National Laboratory of Genomics for Biodiversity in Messico e dell’Università di Oulu in Finlandia ha analizzato i genomi di 64 moderni orsi polari e bruni, inclusi diversi nuovi genomi dell’Alaska, uno stato in cui si trovano entrambe le specie.

Ne hanno anche prodotto uno nuovogenoma più completo di un orso polare che visse da 115.000 a 130.000 anni fa nell’arcipelago norvegese delle Svalbard.

Il DNA dell’antico orso polare è stato estratto da un dente attaccato a una mascella subfossile, i resti scheletrici di un orso che non è abbastanza antico per essere considerato un vero fossile.

Utilizzando questo set di dati, i ricercatori stimano che gli orsi polari e gli orsi bruni abbiano iniziato a diventare specie distinte tra 1,3 e 1,6 milioni di anni fa.

L’incrocio di orsi polari e bruni, insieme a prove fossili limitate per gli orsi polari, ha precedentemente reso difficile l’individuazione di questa età.

Gli scienziati hanno anche concluso che gli orsi polari hanno subito un drammatico declino della popolazione dopo essere diventati la loro stessa specie.

Ciò a sua volta ha ridotto la variazione del pool genetico e ha lasciato gli orsi polari con una diversità genetica molto inferiore rispetto agli orsi bruni.

Alla fine si è scoperto che gli orsi polari portavano una maggiore evidenza del DNA degli orsi bruni rispetto al contrario, nonostante l’ibridazione di entrambe le specie.

Ricerche precedenti suggerivano che sarebbe stato il contrario.

Kalle Leppälä, ricercatrice post-dottorato dell’Università di Oulu, ha dichiarato: “È eccitante come il DNA possa aiutare a rivelare la storia della vita antica.

“La direzione del flusso genico è più difficile da determinare della semplice presenza, ma questi modelli sono vitali per comprendere come gli adattamenti passati si siano trasferiti tra le specie per conferire agli animali moderni le loro caratteristiche attuali”.

Il dottor Luis Herrera-Estrella del Texas Tech Department of Plant and Soil Science ha aggiunto: “La genomica della popolazione è uno strumento sempre più potente per studiare l’evoluzione delle piante e degli animali e gli effetti dell’attività umana e del cambiamento climatico sulle specie in via di estinzione,

«Gli orsi non forniscono semplici storie di speciazione più di quanto non l’abbia l’evoluzione umana. Questa nuova ricerca genomica suggerisce che i gruppi di specie di mammiferi possono nascondere complicate storie evolutive.’

I risultati sono stati pubblicati oggi negli Atti della National Academy of Sciences.

Umani e Neanderthal erano amanti frequenti: i test del DNA mostrano che le due specie si sono incrociate “molte volte” in 35.000 anni

I primi umani hanno fatto sesso con i Neanderthal e altri cugini primitivi molto più spesso di quanto si pensasse, secondo uno studio del 2018

I test del DNA su resti antichi mostrano che le due specie si sono incrociate in “più punti nel tempo” nel corso dei 35.000 anni in cui hanno condiviso le pianure dell’Eurasia

I ricercatori hanno affermato che l’incrocio è iniziato poco dopo che gli esseri umani sono entrati in contatto con i Neanderthal dopo che hanno iniziato a riversarsi fuori dall’Africa circa 75.000 anni fa

Studi precedenti hanno dimostrato che circa il due per cento del nostro DNA è costituito da geni di Neanderthal, tramandati quando si sono accoppiati con i nostri antenati.

I dati del progetto 1.000 Genomes – che ha mappato il DNA di 1.000 persone in tutto il mondo – suggeriscono una relazione più promiscua

Era una complessa rete di incontri sessuali in cui gli individui avevano rapporti con membri del proprio gruppo – e diversi ominidi

Studi recenti hanno scoperto che i Denisoviani, un altro parente estinto, hanno anche avuto rapporti sessuali con Neanderthal e umani in numerose occasioni

Utilizzando l’intelligenza artificiale (intelligenza artificiale), i ricercatori hanno scoperto che i diversi modelli di DNA negli esseri umani moderni sono spiegati da numerosi periodi di incroci tra le popolazioni di Neanderthal, dell’Asia orientale e dell’Europa

Le prove provengono da campioni come un teschio umano primitivo appartenente a un individuo soprannominato Oase 1 che è stato dissotterrato in Romania nel 2002

Denisovans (impressione dell'artista), un altro parente estinto, ha avuto rapporti sessuali con Neanderthal e umani in numerose occasioni

Denisovans (impressione dell’artista), un altro parente estinto, ha avuto rapporti sessuali con Neanderthal e umani in numerose occasioni

Leave a Reply

Your email address will not be published.