Gli scienziati gettano nuova luce sul ruolo dell’orbita terrestre nel destino delle antiche calotte glaciali

strato di ghiaccio

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

In un nuovo studio pubblicato oggi sulla rivista Scienzail team dell’Università di Cardiff è stato in grado di individuare esattamente come l’inclinazione e l’oscillazione della Terra mentre orbita attorno al Sole abbia influenzato lo scioglimento delle calotte glaciali nell’emisfero settentrionale negli ultimi 2 milioni di anni circa.

Gli scienziati sono da tempo consapevoli che l’aumento e il declino delle massicce calotte glaciali dell’emisfero settentrionale sono il risultato di cambiamenti nella geometria dell’orbita terrestre attorno al Sole.

Ci sono due aspetti della geometria terrestre che possono influenzare lo scioglimento delle calotte glaciali: l’obliquità e la precessione.

L’obliquità è l’angolo di inclinazione della Terra mentre viaggia intorno al Sole ed è il motivo per cui abbiamo stagioni diverse.

La precessione è il modo in cui la Terra oscilla mentre ruota, proprio come una trottola leggermente fuori centro. L’angolo di questa oscillazione significa che a volte l’emisfero settentrionale è più vicino al Sole e altre volte l’emisfero australe è più vicino, il che significa che circa ogni 10.000 anni un emisfero avrà estati più calde rispetto all’altro, prima di cambiare.

Gli scienziati hanno determinato che negli ultimi milioni di anni o giù di lì, gli effetti combinati di obliquità e precessione sull’aumento e il declino delle calotte glaciali dell’emisfero settentrionale ha portato, attraverso complicate interazioni all’interno del sistema climatico, a cicli di ere glaciali della durata di circa 100 mila anni.

Tuttavia, prima di 1 milione di anni fa, in un periodo noto come Pleistocene inferiore, la durata dei cicli dell’era glaciale era controllata solo dall’obliquità e questi cicli dell’era glaciale erano lunghi quasi esattamente 41.000 anni.

Per decenni, gli scienziati sono stati perplessi sul motivo per cui la precessione non ha svolto un ruolo più importante nel guidare i cicli dell’era glaciale durante questo periodo.

Nel loro nuovo studio, il team dell’Università di Cardiff ha rivelato nuove prove che suggeriscono che la precessione ha effettivamente svolto un ruolo durante il Pleistocene inferiore.

I loro risultati mostrano che estati più intense, guidate dalla precessione, hanno sempre causato lo scioglimento delle calotte glaciali dell’emisfero settentrionale, ma prima di 1 milione di anni fa, questi eventi erano meno devastanti e non portarono al completo collasso delle calotte glaciali.

L’autore principale dello studio, il professor Stephen Barker, della School of Earth and Environmental Sciences dell’Università di Cardiff, afferma che “le calotte glaciali del Pleistocene emisfero erano più piccoli delle loro controparti più recenti e limitati a latitudini più elevate dove gli effetti dell’obliquità dominano sulla precessione. Questo probabilmente spiega perché ci è voluto così tanto tempo per trovarne le prove precessione forzando durante il Pleistocene inferiore”.

“Questi risultati sono il culmine di un grande sforzo, che ha coinvolto più di 12 anni di scrupoloso lavoro in laboratorio per elaborare quasi 10.000 campioni e lo sviluppo di una gamma di nuovi approcci analitici. Grazie a questo possiamo finalmente mettere fine a una lunga problema permanente in paleoclimatologia e, in definitiva, contribuiscono a una migliore comprensione del sistema climatico terrestre”.

“Migliorare la nostra comprensione delle dinamiche climatiche della Terra, anche nel remoto passato, è fondamentale se speriamo di prevedere i cambiamenti nel prossimo secolo e oltre. I cambiamenti in corso possono essere causati dall’uomo, ma esiste un solo sistema climatico e dobbiamo capirlo”.


L’orbita terrestre influenza la variabilità climatica millenaria


Maggiori informazioni:
Stephen Barker et al, Influenza persistente della precessione sulla variabilità della calotta glaciale settentrionale dal Pleistocene inferiore, Scienza (2022). DOI: 10.1126/science.abm4033. www.science.org/doi/10.1126/science.abm4033

Citazione: Gli scienziati fanno luce sul ruolo dell’orbita terrestre nel destino delle antiche calotte glaciali (2022, 26 maggio) recuperato il 28 maggio 2022 da https://phys.org/news/2022-05-scientists-role-earth-orbit- destino.html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza il permesso scritto. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.