Sports

Highlights e risultati: Naoya Inoue ferma Nonito Donaire in due turni

Written by admin

Naoya Inoue è rimasta imbattuta e ha unificato tre titoli mondiali dei pesi gallo con una vittoria per interruzione del secondo round su Nonito Donaire nella rivincita di Saitama, in Giappone.

Inoue (23-0, 20 KO) è stato semplicemente troppo veloce, acuto e forte per Donaire (42-7, 28 KO), e questa volta Nonito non è stato in grado di riscaldarsi nella lotta, non in grado di trovare un tiro che ha fatto marcia indietro Inoue e non ha potuto fare nulla dopo che Inoue lo ha lasciato cadere con la mano destra alla testa alla fine del primo round.

Donaire ha avuto il tempo di recuperare all’angolo, ovviamente, ma non era abbastanza, e Inoue, 29 anni, era pronto a balzare, credendo correttamente che Donaire non sarebbe arrivato subito al secondo round al 100%.

Donaire è stato ferito da alcuni pugni di Inoue all’inizio del secondo round, con le gambe che sembravano traballanti. Ha cercato di combattere il fuoco con il fuoco, ma non riusciva a trovare il colpo di cui aveva bisogno per invertire la tendenza o almeno trattenerlo un po’.

Invece, era Inoue che si limitava a comporre e atterrare colpo di potenza dopo colpo di potenza. Le gambe di Donaire cedettero gravemente, ma in qualche modo riuscì a rimanere in piedi, il che significava solo che Inoue vedeva che funzionalmente era finita. Continuò a lanciare, continuò ad atterrare e lasciò cadere di nuovo Donaire.

L’arbitro Michael Griffin ha fatto la comprensibile chiamata all’1:24 del secondo round, non dando nemmeno a Donaire la possibilità di alzarsi o contare. Era diventato un lavoro di demolizione totalmente unilaterale da parte di Inoue, e sembrava che tutto ciò che poteva succedere da lì fosse qualcosa di brutto.

C’è stato di nuovo un incredibile rispetto mostrato tra i combattenti quando tutto era finito, e la folla in Giappone ha mostrato il proprio profondo apprezzamento per Donaire, che ha lasciato il ring senza un’intervista tra un applauso sincero, che ha riconosciuto.

“Al primo turno ho ricevuto un gancio sinistro da Nonito. Quel pugno mi ha svegliato”, ha detto Inoue tramite l’interprete. “Per poter aumentare il mio status al vertice, avevo bisogno di vincere questa battaglia, quindi ho deciso di puntare al traguardo”.

Ha aggiunto: “Senza Nonito, non avrei potuto avere tutto questo successo. Ha vinto la cintura WBC ed è tornato a combattere contro di me. Ecco perché siamo qui, ed ecco perché sono stato in grado di brillare così. Grazie mille, Nonito, per tutto.

“Il mio obiettivo è diventare il campione indiscusso”, ha confermato Inoue. “Se posso farlo quest’anno, mi piacerebbe rimanere in questa divisione. Ma se non ci riesco, sono in grado di aumentare di peso”.

L’unico titolo a 118 che Inoue non ha è la cintura WBO detenuta da Paul Butler. Se Butler è disposto a combattere, Inoue sarà un favorito enorme, ma sarebbe anche un’enorme opportunità per Butler. Dovrebbe essere fattibile.

Andy Hiraoka TKO-6 Shun Akaiwa

Hiraoka (20-0, 15 KO) era il tipo di avversario che avrebbe dovuto finire di combattere 10 incontri fa, e ha fatto un bel po’ di luccichio un paio di volte quando Akaiwa ha superato grossolanamente (7-4-1, 5 KO) non è riuscito a sferrare pugni su di lui. Era una specie di aspetto scoraggiante, pensai; questo ragazzo davvero non aveva affari sul ring con Hiraoka per dove si trova Hiraoka in questi giorni.

Ad ogni modo, Hiraoka ha segnato un flash knockdown nel primo e alla fine l’arbitro lo ha fermato per misericordia nel sesto. Akaiwa ha fatto del suo meglio, ma questa è stata una mancata corrispondenza completa e non necessaria che non ha servito a nulla, e non posso dire che ci fosse qualcosa di impressionante. Forse Hiraoka ha un vero vantaggio a 140, ma non c’era nulla in questa lotta che ti dice qualcosa di utile.

Takuma Inoue UD-12 Gakuya Furuhashi

Vittoria netta per il fratello minore Inoue, che va a 16-1 (3 KO) sui punteggi di 119-109, 119-109 e 120-108. Ho dato a Furuhashi (28-9-2, 16 KO) un po’ più di credito, ma avevo ancora una carta 117-111 per Inoue.

Takuma è un buon combattente, ma lo abbiamo visto a livello mondiale come un peso gallo quando ha perso contro Nordine Oubaali. Gli manca davvero il pop sui suoi pugni; la sua velocità è buona, il suo tempismo è buono, combatte duro, non è noioso, ma ai livelli più alti quella mancanza di potenza lo limiterà sempre, e a 122 non sembra un pugile più grande di lui a 118. Furuhashi ha mangiato un sacco di colpi e ha continuato a marciare in avanti.

È stata una bella lotta, grande energia da entrambi i ragazzi e nessuna pausa nell’azione. Furuhashi ha provato il suo cuore per 12 round completi, ma la differenza di livello di talento era abbastanza chiara e la vittoria era meritata.

About the author

admin

Leave a Comment