Il nuovo mostro di Stranger Things 4 è realizzato con effetti pratici, un po’ di CG e molto lubrificante

Con bestie terrificanti come il Demogorgone e il Mind Flayer, Cose più strane ha lentamente costruito un impressionante bestiario di mostri. Ma, per l’ultima stagione, lo spettacolo va in una direzione leggermente diversa. Il suo nuovo cattivo, chiamato Vecna, è meno una bestia senza cervello e più un mostro da film in stile classico degli anni ’80 nello stampo di Freddy o Jason. Così gli showrunner Matt e Ross Duffer si sono rivolti alla designer di protesi Barrie Gower per dare vita al loro tentativo di creare un iconico cattivo. “La cosa piuttosto interessante Cose più strane è già questa enorme proprietà, e ha questo grande senso del design,” dice Gower Il confine. “Avevano già una visione molto chiara di cosa volevano fare con questo personaggio”.

Gower non è estraneo a mostrare i cattivi, su cui ha lavorato in precedenza Game of Thrones‘ Night King, tra gli altri progetti importanti che vanno da Harry Potter a Chernobyl. Ma era un estraneo, beh, Cose più strane, essendosi unito allo show solo per la quarta stagione. Secondo la responsabile del reparto trucco Amy Forsythe, che ha lavorato allo show sin dall’inizio, l’esperienza di Gower ha aggiunto una dimensione diversa allo show. “Gli effetti pratici sono una cosa enorme con la nostalgia degli anni ’80, e lo stavamo perdendo così tanto nel nostro spettacolo”, spiega. “Quindi finalmente l’arrivo di qualcuno con l’esperienza di Barrie, livella davvero lo spettacolo.”

Vecna ​​è una cupa creatura nera che sembra decisamente uscita dal mondo oscuro del Sottosopra. Ma è anche il mostro più umanoide presente nello show finora. Gower afferma che il processo è iniziato con le immagini concettuali dell’artista Michael Maher Jr., seguite da molte discussioni con Maher, i Duffer e il team degli effetti visivi, tra gli altri. Uno degli obiettivi principali, dice Gower, “era creare il personaggio il più vicino possibile al 100 percento”.

Invece di una tuta di gomma, il costume di Vecna ​​consiste in una serie di pezzi diversi che sono stati incollati direttamente sulla pelle dell’attore. Ciò ha fornito alcuni vantaggi, incluso dare all’attore più libertà di movimento. Le tute in gomma hanno anche la tendenza ad inarcarsi, il che non è perfetto sulla fotocamera. Tuttavia, ha richiesto molto lavoro: il completamento del processo di candidatura ha richiesto in media dalle 6,5 alle 7 ore.

E ci sono anche alcuni, diciamo, problemi umani che devono essere presi in considerazione nel design. Uno è il calore. Il costume è stato progettato per essere il più comodo possibile, ma nonostante ciò, l’attore può essere visto uscire in una tenda con aria condizionata per rinfrescarsi tra una ripresa e l’altra. “Soprattutto, l’attore deve andare in bagno ad un certo punto della giornata”, dice Gower. “Quindi hai un sottocarro speciale che è andato sotto dei pantaloncini da ciclismo in modo che potesse aprire una speciale borsa Vecna ​​e andare in bagno.”

Gower osserva che molte delle tecniche utilizzate nella creazione di Vecna ​​sono state sperimentate negli anni ’80, sebbene il team avesse il vantaggio di materiali più moderni. Alcuni di questi hanno contribuito a conferire al mostro il suo aspetto decisamente viscido. Le stesse protesi sono state verniciate con una finitura in silicone lucido, ma non è bastato. “Il giorno in cui deve essere super viscido, quindi utilizziamo prodotti come KY Jelly. C’è un prodotto chiamato UltraWet, che è un po’ come un gel trasparente che gli spalmiamo addosso”, dice Gower. “È il genere di cose in cui sul set gli metti una mano sulla spalla e ti penti di averlo fatto perché sei ricoperta di melma”. (Slathering sul lubrificante, va notato, è una tecnica di creazione di mostri abbastanza tradizionale.)

Questo non vuol dire che fosse tutto pratico. Fin dall’inizio, il piano era di aumentare il design di Vecna ​​con alcuni effetti digitali. I suoi tendini elastici, ad esempio, si muovono e si attorcigliano sottilmente in modo inquietante, cosa che è stata fatta dal team VFX. Allo stesso modo, il naso dell’attore è stato rimosso digitalmente. Ma per la maggior parte, quello che vedi nello show è ciò che i team di protesi e trucco hanno costruito.

“In precedenza abbiamo lavorato a programmi in cui avremmo creato i personaggi e, per quanto ne sai, è così che avrebbero recitato nel montaggio finale”, afferma Gower. “E poi vedi lo spettacolo e pensi ‘Dov’è il personaggio che abbiamo interpretato? Questo è stato completamente ridipinto.’ Non era affatto così [on Stranger Things]. È stata questa bella collaborazione con gli effetti visivi.

Una delle sfortunate vittime di Vecna.
Immagine: Netflix

Da quello che ho visto finora della stagione 4, Vecna ​​si inserisce perfettamente anche nel mondo a causa dell’apparente pensiero e pianificazione che sono andati in altri elementi dello spettacolo intorno a lui. In particolare, le sue vittime hanno tutte un aspetto distinto con arti orribilmente spezzati e occhi cavati. Forsythe spiega che questo tipo di stile visivo coeso è il risultato del modo in cui i vari dipartimenti lavorano a stretto contatto. “L’aspetto collaborativo è molto divertente”, dice.

Come la maggior parte degli altri spettacoli e film degli ultimi anni, la produzione è stata messa alla prova dalla pandemia. In totale, la squadra ha filmato per 14 mesi ma con un intervallo di sei mesi a metà a causa dei protocolli COVID. “Sono stati solo 20 mesi di riprese selvagge”, dice Forsythe. “Dall’inizio alla fine avrei potuto avere due figli.” Nota che la sfida più grande era la continuità. “Abbiamo attraversato forse quattro diversi team di truccatori”, dice. “È la natura della bestia. Ogni volta che prendevamo il nostro passo, perdevamo qualcuno di fondamentale per la nostra squadra”.

I vantaggi di concentrarsi sugli effetti pratici e di fonderli in modo coeso con quelli digitali sono evidenti quando si guarda la nuova stagione. Più di ogni stagione precedente, Cose sconosciute 4 ha la sensazione di un classico film horror degli anni ’80, completo di un mostro che diventa più spaventoso man mano che viene rivelato. Gower ritiene inoltre che l’attenzione pratica abbia un impatto positivo sulle prestazioni dei vari membri del cast. “Penso che dal loro punto di vista sia divertente avere qualcosa di fisico e pratico sul set con cui possono interagire”, spiega. “Non è un ragazzo con un completo da marinaio o un completo verde o qualcosa del genere. Eccolo nella carne”.

Ci sono degli svantaggi, tuttavia. Forsythe ricorda di aver scattato una foto di una Vecna ​​in costume seduta nella sua Ford Ranchero del 1965, con i membri del team di trucco e protesi nella parte posteriore. “Ha dimagrito il sedile del conducente della mia macchina”, dice.

Leave a Reply

Your email address will not be published.