Il razzo lunare SLS della NASA torna oggi sulla piattaforma di lancio per ulteriori test: Spaceflight Now

Il razzo lunare SLS della NASA rotola verso il pad 39B all’inizio di lunedì. Credito: Michael Cain / Spaceflight Now / Fotografia di Coldlife

Il primo razzo lunare Space Launch System della NASA è stato lanciato sulla sua piattaforma di lancio lunedì all’inizio di lunedì al Kennedy Space Center per un altro tentativo alla fine di questo mese di caricarlo completamente con propellenti super-freddi, il culmine di un conto alla rovescia che i funzionari delle prove mirano a completare prima di andare avanti con lancio entro la fine dell’estate.

L’imponente razzo alto 322 piedi (98 metri) ha iniziato il viaggio alle 00:15 EDT (0415 GMT) lunedì con il primo movimento da High Bay 3 all’interno del Vehicle Assembly Building, l’iconico hangar del Kennedy originariamente costruito per impilare e servire i razzi lunari Saturn 5 durante il programma Apollo.

Il razzo lunare SLS e la sua piattaforma di lancio mobile sono andati al pad 39B su un cingolato-trasportatore diesel. Il viaggio di 4,2 miglia (6,8 chilometri) ha richiesto circa 10 ore e mezza per essere completato. L’abbassamento della piattaforma del razzo lunare sui posti di supporto presso la rampa di lancio ha segnato la conclusione ufficiale del viaggio alle 10:47 EDT (1447 GMT), secondo un portavoce della NASA.

Lo stack completo pesava circa 21,4 milioni di libbre per il lancio.

L’enorme razzo è il più grande mai costruito dalla NASA ed è il fulcro del programma lunare Artemis dell’agenzia, che mira a riportare gli astronauti sulla superficie lunare entro la fine di questo decennio. La NASA sta preparando il primo razzo lunare SLS per il volo di prova Artemis 1, una missione dimostrativa per inviare una capsula dell’equipaggio Orion senza pilota intorno alla luna e tornare sulla Terra in una crociera di shakedown prima che voli con le persone.

Il razzo lunare Artemis 1 della NASA si avvicina al pad 39B lunedì vicino alla conclusione del suo lancio di 10 ore e mezza. Credito: Stephen Clark / Volo spaziale ora

In vista del lancio di Artemis 1, i team della NASA al Kennedy hanno impilato il razzo lunare SLS e hanno fatto rotolare il lanciatore sul pad 39B per la prima volta il 18 marzo prima di una “prova generale” per testare le procedure di conto alla rovescia e completamente carica il razzo con oltre 750.000 galloni di idrogeno liquido super freddo e propellenti di ossigeno liquido.

Ma una serie di problemi tecnici ha impedito al team di lancio della NASA di completare le prove del conto alla rovescia ad aprile.

Un problema con le apparecchiature di terra sulla rampa di lancio ha ritardato il test di un giorno dal 3 aprile, quindi ha riscontrato problemi con la fornitura di gas azoto alla rampa di lancio. L’azoto viene utilizzato per spurgare i compartimenti all’interno del razzo lunare SLS.

Un tentativo di rifornimento il 4 aprile è stato interrotto dalle preoccupazioni sulla temperatura dell’ossigeno liquido che scorre nello stadio centrale del razzo, quindi gli ingegneri hanno scoperto un problema con una valvola dell’elio sullo stadio superiore dell’SLS.

Il problema della valvola dell’elio ha impedito alla squadra di lancio di pompare propellenti nello stadio superiore al successivo tentativo di rifornimento. Ma la NASA ha provato di nuovo il 14 aprile a caricare propellenti criogenici nello stadio centrale, ma ha riscontrato altri problemi con la fornitura di azoto. Dopo aver temporaneamente superato il problema dell’azoto, il team di lancio ha rilevato indicazioni di una perdita di idrogeno vicino a una connessione ombelicale nella parte inferiore dello stadio centrale.

I funzionari della NASA hanno quindi deciso di restituire il razzo al VAB per le riparazioni.

Il razzo lunare Space Launch System della NASA si trova all’interno del Vehicle Assembly Building il 3 giugno, pronto per un ritorno al pad 39B per un’altra prova generale del conto alla rovescia. Credito: NASA/Glenn Benson

Il lanciatore Artemis 1 è tornato all’hangar il 26 aprile e i tecnici all’interno dell’alta baia hanno stretto i sigilli sul collegamento ombelicale nella speranza di riparare la perdita di idrogeno. I lavoratori hanno anche sostituito la valvola dell’elio sullo stadio superiore, che si è guastata a causa di detriti di gomma bloccati nel meccanismo. La NASA ha affermato che i team all’interno del VAB hanno anche lavorato per garantire che non ci fossero più detriti che avrebbero rappresentato un problema per la nuova valvola.

Nel frattempo, sono stati completati gli aggiornamenti in un impianto di gas azoto fuori sede vicino al Kennedy Space Center per espandere la capacità del sistema per il razzo lunare SLS. L’impianto di azoto è gestito da Air Liquide.

Con la risoluzione dei problemi alle spalle, i team della NASA hanno restituito il razzo lunare Artemis 1 al pad 39B per un’altra prova generale del conto alla rovescia, o WDR, alla fine di questo mese. Se tutto va secondo i piani, il prossimo tentativo di caricare completamente il razzo lunare SLS con il propellente è previsto per il 19 giugno.

Prima di allora, le squadre di terra al centro spaziale prepareranno il razzo per il conto alla rovescia delle prove. Tali compiti includeranno il caricamento del meccanismo dello sterzo, o del giunto cardanico, sui due booster a combustibile solido del razzo con carburante idrazina, che alimenta le unità di potenza idraulica nel sistema di controllo del vettore di spinta del booster.

Il test del conto alla rovescia si concluderà con un taglio appena entro T-meno 10 secondi, prima dell’accensione dei motori a quattro stadi principali del razzo.

Se il team di lancio è in grado di realizzare il WDR, la NASA riporterà lo Space Launch System all’edificio di assemblaggio per le chiusure finali e i test. La NASA trascinerà nuovamente il razzo al pad 39B per la vera campagna di lancio, attualmente prevista non prima di agosto.

L’agenzia non sta fissando una data di lancio target ufficiale fino al completamento con successo del WDR.

E-mail l’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: @StephenClark1.

Leave a Reply

Your email address will not be published.