Sports

La superstar della boxe Naoya ‘Monster’ Inoue aggiunge il titolo dei pesi gallo WBC, migliora a 23-0 con il secondo round KO di Nonito Donaire

Written by admin

Chiamano Naoya Inoue “Mostro” per una buona ragione.

Quando ha incontrato Nonito Donaire nel novembre 2019, Inoue è stato veramente messo alla prova per la prima volta nel Fight of the Year di ESPN. Ha sconfitto Donaire (42-7, 28 KO) con decisione unanime quella notte.

Ma 31 mesi dopo, Inoue ha reso facile il lavoro del futuro Hall of Famer con un TKO al secondo round nel loro incontro di unificazione del titolo dei pesi gallo martedì a Saitama, in Giappone.

Inoue (23-0, 20 KO) ha messo a terra Donaire con una mano destra acuta negli ultimi secondi del Round 1, e poi lo ha lasciato cadere di nuovo nel Round 2.

Un gancio sinistro di Inoue ha traballato Donaire nel secondo round, prima che la star giapponese lo intrappolasse in un angolo e atterrasse un jab, seguito da un gancio destro e sinistro che ha segnato un secondo atterramento.

Donaire (42-7, 28 KO) ha battuto il conteggio, ma il 39enne filippino non era in condizione di continuare poiché l’arbitro ha interrotto l’incontro a 1:24 del Round 2.

Con la vittoria, Inoue ha aggiunto un terzo titolo da 118 libbre e si è consolidato come il pugile n. 2 libbra per libbra di ESPN (se non n. 1).

“Nel primo round, ho ricevuto un gancio sinistro da Nonito e quel pugno mi ha fatto svegliare e rimanere concentrato”, ha detto Inoue, 29 anni, tramite un traduttore. “… Per essere in grado di raggiungere il mio status in cima ho bisogno di vincere questa battaglia, quindi ho appena deciso … di finire questa battaglia in questo momento.”

Il rapido finale è stato in netto contrasto con il primo incontro tra Inoue e Donaire nelle finali della World Boxing Super Series. Inoue, un campione di tre divisioni, ha subito una frattura all’osso orbitale destro insieme a un naso rotto nei primi round di quel match.

Ha combattuto attraverso il dolore e ha messo a terra Donaire con un colpo al corpo nel Round 11. Inoue lo ha quasi finito, ma Donaire è sopravvissuto e ha perso sulle scorecard (114-113, 116-111 e 117-109).

Tra i loro incontri, Inoue ha combattuto tre volte e Donaire ha combattuto due volte, ma è stato “The Filipino Flash” ad affrontare la concorrenza più dura.

Donaire ha segnato un ko al quarto round di Nordine Oubaali per diventare un tre volte campione dei pesi gallo e ha mantenuto il titolo con un KO al quarto round di Reymart Gaballo a dicembre.

Inoue, nel frattempo, ha difeso il suo campionato unificato tre volte, con vittorie nella distanza contro Jason Moloney, Michael Dasmarinas e Aran Dipaen (una vittoria per TKO-8 a dicembre).

Quando Inoue è finalmente salito sul ring con Donaire una seconda volta, è sembrato una continuazione del primo combattimento. Dopo 12 round l’uno contro l’altro, non c’è stato alcun round di apertura di feeling out poiché hanno scambiato pezzi grossi al centro del ring. Ma questa volta, Inoue è stato ancora più acuto.

Donaire è entrato sul ring valutato n. 2 da ESPN a 118 libbre, ma ha fornito poca resistenza contro Inoue, che ha anche vinto titoli a 108 e 115.

“Il mio obiettivo è quello di essere il campione indiscusso”, ha detto Inoue, il peso gallo n. 1 di ESPN. “Se posso farlo entro l’anno 2022, mi piacerebbe rimanere in questa divisione. Ma se non posso, sono in grado di aumentare la mia divisione [to 122 pounds].”

Una vittoria sull’inglese Paul Butler, che possiede il quarto titolo a 118 libbre, realizzerebbe l’impresa per Inoue. A 122 libbre, attendono i matchup con i campioni unificati Stephen Fulton e Murodjon Akhmadaliev.

Donaire, d’altra parte, potrebbe sempre allontanarsi dallo sport. Compie 40 anni a novembre e la sua eredità è assicurata. Donaire ha vinto i suoi primi titoli nel 2007 quando ha segnato un KO sui rulli dei momenti salienti del campione unificato di 112 libbre Vic Darchinyan. Donaire ha continuato a vincere titoli a 118 sterline e 122.

Ha anche gareggiato a 126 libbre, ma dopo una perdita di peso piuma contro Carl Frampton nel 2018, Donaire è tornato sorprendentemente a 118 libbre e ha riguadagnato un titolo.

Ma ora la sua rivalità con Inoue è conclusa, e forse anche la sua carriera. Donaire rimane l’unico pugile a testare veramente Inoue, che è impareggiabile a 118 libbre e forse oltre.

About the author

admin

Leave a Comment