Match Awards dal pareggio 1-1 della Nations League della Germania con l’Italia

La prima partita della Germania della Nations League è stata, beh, piuttosto meh. C’erano dei punti luminosi e c’erano dei punti meno luminosi. C’erano dei buoni giocatori e c’erano dei pessimi giocatori. Ecco chi si è distinto dal primo.

Cambio maglia: Roberto Mancini

Mancini aveva un buon piano di gioco e ci è rimasto fedele. Ha usato l’italiano tradizionale Catenaccio con grande efficacia, al punto che la Germania non poteva sfondare facilmente, anche con tutto il suo possesso. I contropiede dell’Italia non erano troppo acuti, ma sono stati sufficienti per tenere la Germania all’erta, e considerando che questa era un’Italia relativamente inesperta, è piuttosto impressionante come siano riusciti a tenere a bada quello che era vicino a uno champagne tedesco XI. Il futuro sembra roseo per l’Italia, anche dopo il fiasco dei Mondiali. Mancini era l’uomo dietro e stasera ha fatto un buon lavoro.

Der Kaiser: Antonio Rudiger

Il neo coniato Real Madrid il difensore era facilmente il migliore del gruppo. Raramente sbagliava un passaggio da dietro, anche in mezzo a un’altissima stampa italiana. Ha anche avuto molte palle vaganti prima che potessero farlo qualsiasi attaccante italiano, pur essendo costantemente una minaccia aerea. Rüdiger è stato il miglior giocatore della Germania nel primo tempo e, sebbene la sua squadra abbia subito gol nel secondo, non è stata colpa sua, più un cross economico che avrebbe dovuto essere bloccato. Per il resto, il suo gioco è stato quasi impeccabile e ha mostrato perché si è guadagnato il passaggio agli attuali campioni d’Europa.

Der Fußballgott: Jonas Hofmann

Mentre Hofmann è stato tecnicamente sostituito come terzino destro sostitutivo dell’inefficace Benjamin Henrichs, non lo avresti saputo da come ha giocato. L’uomo del Gladbach è stato una boccata d’aria fresca sulla fascia destra, ed è stato lui a girare una partita difficile in direzione della Germania nelle ultime fasi. È stato il cross di Hofmann che ha portato al pareggio di Joshua Kimmich, ed è stato una minaccia costante per la mezz’ora in cui è stato in campo. Ha anche giocato un po’ più in alto negli ultimi minuti dopo che Serge Gnabry è stato sostituito, e anche se non ha creato più gol, è stato comunque impressionante.

Il bombardiere: Thomas Müller

Bayern MonacoL’uomo principale di oggi non era il solito brillante sé, né lo è stato per gran parte del tempo Ruckrunde. Tuttavia, oggi ha mostrato la sua classe in più occasioni. Ha fatto del suo meglio contro un muro difensivo molto duro e nel primo tempo ha creato numerose occasioni, possibilità che avrebbero potuto essere convertite se i suoi compagni di squadra fossero stati un po’ più bravi a finire. È stato sostituito relativamente presto, ma forse è una buona cosa, considerando che la Germania avrà bisogno di lui fresco per le restanti tre partite della pausa internazionale. Si spera che giochi ancora meglio martedì, ma poi di nuovo, questo vale per l’intera squadra, suppongo.

Meister della partita: Joshua Kimmich

Anche senza il suo obiettivo, Kimmich ha fatto una buona partita. L’ormai padre di tre figli era al centro del centrocampo tedesco, tirando tutte le fila se necessario e facendo del suo meglio per istigare attacchi, che purtroppo sono stati per lo più sprecati a causa di un paio di ali piuttosto mediocri. L’unico aspetto negativo di Kimmich è che oggi ha lottato un po’ con i contrasti, ma non era solo un suo problema: hai visto quanto fosse scivoloso il campo? In più, ha più che compensato con il suo veloce pareggio, un gol importantissimo che ha impedito al gioco di scivolare via dalla Germania. È incoraggiante vedere che, anche dopo una stagione estenuante, Kimmich è ancora più che disposto a dare tutto ciò che ha in ogni partita.

Bonus: recensione del manager

Quella di oggi non è stata la partita migliore, non ha senso negarlo. Tuttavia, ciò era meno dovuto alla tattica e più dovuto ai giocatori che sbagliavano. Il piano di gioco di Hansi Flick era così così, ma la sua squadra si è goduta la parte del leone del possesso palla e avrebbe potuto vincere se non fosse stato per qualche sfavorevole fine in campo. Tuttavia, non dirò che le tattiche di Flick sono state superbe oggi. Quello che loderò di lui sono le sue sostituzioni. La sostituzione di Jonas Hofmann e Jamal Musiala ha trasformato il gioco in favore della Germania e, sebbene ci sia voluto un po’ per crescere nel gioco, gli ultimi 20 minuti circa sono stati piacevoli da guardare. Tutto ciò che mancava era un obiettivo, quindi è qualcosa su cui lavorare. Ma nel complesso, Flick avrebbe potuto fare molto peggio con questo gioco.

Leave a Reply

Your email address will not be published.