Minjee Lee scappa con gli US Women’s Open, conquista il secondo campionato importante

SOUTHERN PINES, NC — Il fantastico australiano non si smentirebbe.

Minjee Lee ha vinto gli US Women’s Open di quattro colpi su Mina Harigae a Pine Needles domenica per guadagnare $ 1,8 milioni, la più grande vincita nella storia del golf femminile.

Lee ha chiuso con un par 71 alla pari per finire a 13-under 271 dopo che l’australiano ha flirtato con il record del torneo di 16 under stabilito da Juli Inkster nel 1999 a Old Waverly.

“Voglio dire, sono senza parole”, ha detto Lee. “Non posso crederci adesso. No, è solo super, super speciale e solo un grande onore. È stato il mio sogno sin da quando ero una bambina. È quello su cui ho sempre voluto vincere; ora l’ho fatto e mi sento semplicemente fantastico.

Le vincite di Lee provenivano da una borsa record di $ 10 milioni.

“Ci stiamo solo muovendo nella giusta direzione”, ha detto Lee. “Penso che andrà sempre meglio da qui. È una somma così grande e sono davvero onorato di essere il primo vincitore che immagino di questa somma. Andremo solo a migliorare sempre di più”.

Harigae ha tirato un 72 per il suo miglior piazzamento in una major e un assegno di poco più di $ 1 milione.

Sebbene sapesse di non avere alcuna possibilità di vincere, Harigae ha detto che era ancora stressante sapere che era in gioco $ 1 milione, un assegno più grande di quello che il vincitore guadagna nella maggior parte degli eventi del Tour LPGA.


Risultati a tutto campo degli US Women’s Open


“Non ho intenzione di mentire, il mio stomaco ha fatto male agli ultimi due buchi che scendono lungo il tratto”, ha detto Harigae. “Ero davvero stressato, ma mi stavo davvero concentrando su un colpo alla volta, creando un solido contatto e solo facendo buoni putt”.

Il sudcoreano Hye-Jin Choi è stato uno degli unici due giocatori a rompere il par domenica, cardando un 70 per finire terzo a 7 sotto.

Il sudcoreano Jin Young Ko, il giocatore numero 1 al mondo, è arrivato quarto a 6 sotto, sette tiri indietro in vantaggio dopo un 71. Lydia Ko era a 5 sotto dopo un 72.

Ingrid Lindblad, la giocatrice svedese della LSU, era la dilettante bassa a 1 under, pareggiando per l’11a posizione dopo un 76.

Il 26enne Lee non è mai stato sfidato su un percorso che ha giocato significativamente più duro rispetto ai tre giorni precedenti. Ha aperto con giri di 67, 66 e 67.

Lee è diventata la sesta giocatrice internazionale consecutiva a vincere gli US Women’s Open e la prima australiana dal mentore Karrie Webb nel 2001. Era la sua seconda vittoria in un campionato importante in assoluto dopo aver vinto l’Evian Championship lo scorso luglio. Il suo precedente miglior piazzamento agli US Open è stato un pareggio per l’11° posto nel 2017.

Lee, che è entrata nella settimana al numero 4 al mondo, ha vinto otto eventi LPGA Tour ed è diventata la prima vincitrice ripetuta quest’anno dopo la sua vittoria alla Founders Cup tre settimane fa nel New Jersey.

Lee è entrata nel round finale con un vantaggio di tre tempi su Harigae e ha detto che dopo il terzo round il suo obiettivo era continuare a rimanere aggressivo e fare birdie.

All’inizio è stata all’altezza, birdieing le prime due buche per passare a 15 sotto e prendere un vantaggio di cinque tempi su Harigae.

Ha inciampato un po’ con i bogey sui numeri 5 e 7, ma è stata comunque in grado di fare il turn al par 35 pari e con un cuscino a quattro tempi quando Harigae ha anche bogeyed il settimo. Il vantaggio è aumentato a cinque dopo che Harigae ha bogeyed l’undicesima buca par-4, quasi suggellando la vittoria.


Lee vince gli US Women’s Open con un solido round finale

Lee vince gli US Women's Open con un solido round finale

“Così incredibile. Proprio per il modo in cui ha giocato per tutta la settimana, non sembrava mai che il momento le stesse arrivando. Penso che abbia lottato un po’ all’inizio dell’anno scorso con il put, e ora è la parte migliore del gioco per lei. Se continua a mettere così, ha l’intero pacchetto”.

Webb ha detto di averle mandato un messaggio durante la settimana, non con consigli ma semplici frasi come “Amo il tuo lavoro”.

Nelly Korda ha chiuso con un 73 domenica per pareggiare per l’ottavo posto a 2 sotto nel suo primo torneo da quando ha subito un intervento chirurgico per riparare un coagulo di sangue nel braccio sinistro.

“La prima settimana fa hai ruggine, giusto, quindi non ti aspetti molto dal tuo gioco”, ha detto Korda, il giocatore numero 2 al mondo. “Non sai dove sia il tuo gioco. Sapere che posso giocare su un campo da golf davvero difficile in una major e persino essere in lizza è sicuramente positivo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.