Science

“Non c’è bisogno di farsi prendere dal panico” poiché le macchie solari con potenziali brillamenti solari raddoppiano di dimensioni durante la notte, affermano gli scienziati

Written by admin

macchia solare

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

Una macchia solare che punta verso la Terra ha il potenziale per causare brillamenti solari, ma gli esperti hanno detto a USA TODAY che è tutt’altro che insolita e attenuata le preoccupazioni su come i brillamenti potrebbero influenzare il Pianeta Blu.

La regione attiva 3038, o AR3038, è cresciuta nell’ultima settimana, ha affermato Rob Steenburgh, capo ad interim dell’Ufficio per le previsioni meteorologiche spaziali della National Oceanic and Atmospheric Administration.

“Questo è ciò che fanno le macchie solari”, ha detto. “Nel tempo, generalmente, crescono. Passano attraverso fasi e poi decadono”.

Secondo la NASA, le macchie solari appaiono più scure perché sono più fredde di altre parti della superficie del sole. Le macchie solari sono più fredde perché si formano dove forti campi magnetici impedire al calore del sole di raggiungere la sua superficie.

“Immagino che il modo più semplice per dirlo sia che le macchie solari sono regioni di attività magnetica”, ha detto Steenburgh.

I brillamenti solari, che in genere sorgono dalle macchie solari, sono “un’improvvisa esplosione di energia causata dall’aggrovigliamento, dall’incrocio o dalla riorganizzazione di linee di campo magnetico vicino macchie solari“, ha detto la Nasa.

“Puoi pensarlo come la torsione degli elastici”, ha detto Steenburgh. “Se hai un paio di elastici che si attorcigliano sul dito, alla fine si attorcigliano troppo e si rompono. La differenza con i campi magnetici è che si ricollegano. E quando si ricollegano, è in quel processo che viene generato un bagliore .”

Più grande e complessa diventa una macchia solare, maggiore è la probabilità brillamenti solariha detto Steenburgh.

La macchia solare è raddoppiata ogni giorno negli ultimi tre giorni ed è circa 2,5 volte più grande della Terra, ha detto in una e-mail C. Alex Young, direttore associato per la scienza della divisione di scienze eliofisiche presso il Goddard Space Flight Center della NASA.

Young ha detto che la macchia solare sta producendo piccoli brillamenti solari ma “non ha la complessità per i brillamenti più grandi”. C’è una probabilità del 30% che la macchia solare produca bagliori di medie dimensioni e una probabilità del 10% che crei grandi bagliori, ha affermato.

W. Dean Pesnell, scienziato del progetto del Solar Dynamics Observatory, ha affermato che la macchia solare è un regione attiva” che “non è cresciuto in modo anomalo rapidamente ed è ancora piuttosto piccolo nell’area”.

“AR 3038 è esattamente il tipo di regione attiva che ci aspettiamo a questo punto del ciclo solare”, ha affermato.

Andrés Muñoz-Jaramillo, scienziato capo presso il SouthWest Research Institute di San Antonio, ha affermato che le macchie solari non sono nulla di cui preoccuparsi per le persone sulla Terra.

“Voglio sottolineare che non c’è bisogno di farsi prendere dal panico”, ha detto. “Accadono sempre e noi siamo preparati e facciamo tutto il possibile per prevedere e mitigare i loro effetti. Per la maggior parte di noi, non abbiamo bisogno di perdere il sonno per questo”.

I brillamenti solari hanno livelli diversi, ha detto Muñoz-Jaramillo. I più piccoli sono i razzi di classe A, seguiti da B, C, M e X alla massima forza. All’interno di ogni classe di lettere c’è una scala più fine che usa i numeri e i numeri più alti denotano più intensità.

I bagliori C sono troppo deboli per influenzare notevolmente la Terra, ha detto Muñoz-Jaramillo. Bagliori M più intensi possono interrompere comunicazione radio ai poli della Terra. I razzi X possono interrompere i satelliti, i sistemi di comunicazione e le reti elettriche e, nel peggiore dei casi, causare carenze di elettricità e interruzioni di corrente.

I brillamenti solari a bassa intensità sono piuttosto comuni; I razzi X lo sono meno, ha detto Steenburgh. In un singolo ciclo solare, di circa 11 anni, ci sono in genere circa 2.000 brillamenti M1, circa 175 brillamenti X1 e circa otto brillamenti X10, ha affermato. Per i più grandi brillamenti solari a X20 o superiore, ce n’è meno di uno per ciclo. Questo ciclo solare iniziata a dicembre 2019.

La macchia solare AR3038 ha causato razzi C, ha detto Steenburgh. Sebbene non ci siano stati razzi M o X da quest’area, ha detto che c’è un potenziale per razzi più intensi nella prossima settimana circa.


Il sole rilascia un moderato bagliore solare


(c) 2022 USA Today
Distribuito da Tribune Content Agency, LLC.

Citazione: “Non c’è bisogno di farsi prendere dal panico” poiché le macchie solari con il potenziale di brillamenti solari raddoppiano di dimensioni durante la notte, affermano gli scienziati (2022, 22 giugno) recuperate il 22 giugno 2022 da https://phys.org/news/2022-06-panic-sunspot- potenziali-brillamenti-solari.html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza il permesso scritto. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

About the author

admin

Leave a Comment